Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalitĂ  d'uso dei cookies

Stampa questa pagina

Antiracket, Memoria, Beni confiscati- il Festival a Casalnuovo di Napoli

COMUNICATO STAMPA

30 GIUGNO 2015

ANTIRACKET, MEMORIA E BENI CONFISCATI:

 I TEMI DEL FESTIVAL DELL’IMPEGNO CIVILE A  CASALNUOVO DI NAPOLI

Giovedì 2 luglio alle ore 18,30, il bene confiscato alla camorra a Casalnuovo, in via Virnicchi 154e (Fabbr. B. interno 10), sarà intitolato alla memoria di Daniele Del Core vittima innocente della criminalità. Daniele fu ucciso il 28 ottobre del 2006. Era un sabato pomeriggio, Daniele avrebbe compiuto 19 anni il 10 novembre, fu accoltellato per difendere un suo amico, Loris, anche lui innocente.

L’incontro che è tappa del Festival dell’Impegno Civile «Le terre di don Diana», sarĂ  introdotto da  Angelica Romano- presidente della cooperativa A.R.S. con i saluti del sindaco Massimo Pelliccia.

Insieme a Tano Grasso presidente onorario della FAI per presentare il libro «Mai più Soli», il volume che raccoglie gli atti del convegno tenuto a Napoli il 16 giugno 2014 sul tema “Le vittime di estorsione e di usura nel procedimento penale”, interverranno Domenico Gaetano Musella presidente dell’associazione FAI -Edili antiracket e responsabile dello sportello antiracket di Casalnuovo, Salvatore Cantone presidente dell’associazione FAI- Pomigliano per la legalità, Antonio D’Amore referente Libera Napoli, Carmen Del Core sorella di Daniele Del Core, Tina Cioffo per il Comitato don Peppe Diana.

L’obiettivo dell’incontro è puntare l’attenzione su tre temi fondamentali: l’importanza della memoria per tutte le vittime innocenti, il riutilizzo sociale dei beni confiscati alla camorra e la risposta organizzata della società civile che insieme al movimento antiracket lotta e respinge i fenomeni estorsivi e di usura.